Viaggio

Parco Nazionale Regina Elisabetta

Pin
Send
Share
Send


Condividiamo con loro un antenato comune. È stato 7 milioni di anni fa quando gli esseri umani e gli scimpanzé hanno deciso di prendere direzioni diverse sebbene anche oggi le somiglianze siano sorprendenti. Anche uno studio recente ha confrontato 14.000 geni di entrambi e la sorpresa è stata che i geni dello scimpanzé si sono evoluti di più. Non ci sorprende, a volte sembra che l'uomo devoli, distrugga, ... Oggi raggiungeremo il Parco Nazionale Regina Elisabetta, uno dei parchi più importanti di tutta l'Africa per quanto riguarda gli uccelli.

Ci siamo dovuti alzare presto. Foresta di Kibale È un bellissimo parco pieno di laghi, paludi e praterie. Sembra essere tratto da uno di quei film d'avventura di esploratori perduti nella giungla. Quasi l'80% del parco è coperto da foreste sempreverdi. Ma la foresta di Kibale è per lo più famosa per essere la foresta pluviale che contiene la maggior concentrazione di primati nel mondo, da guerezas, papioni di ulivi, mangabeys guancia grigia, pothos, levrieri Demidoff e cercopitec dalla coda rossa. Ti suonano? Per noi fino ad oggi. Ma quello che stavamo davvero cercando è una delle possibilità offerte dalla foresta, il monitoraggio di una delle specie morenti del mondo e la più amata da molti, gli scimpanzé (qui dal vivo circa 500 copie)

Juve e Paula non hanno dormito troppo per il continui rumori degli animali dalla vasta foresta che ci circonda, anche cercando di entrare nelle stanze, ha strappato la porta. Nella stanza della Juve e di Ruth sono entrati, crediamo che i topi abbiano mangiato del cibo lasciato sul tavolo il giorno prima. Isaac e Paula si sono svegliati sorpresi dallo scandalo che è stato sentito che si sono rivelate scimmie dalla coda rossa caricate sugli alberi vicini. Essere in mezzo alla natura questa è la cosa più normale che può capitare a uno. Le camere sono molto integrate nel mezzo. Dovremmo rimanere almeno una settimana per goderci il suo splendore. Naturalmente, alcuni servizi di base hanno fatto sì che Paula cercasse il riparo della cabina con acqua calda per la sua doccia mattutina. Sembra a Isaac che sia arrivata la doccia fredda per il "lavaggio portoghese". La caldaia qui è riscaldata con legna da ardere e quel giorno hanno dimenticato di accenderla.

Un altro animaletto che dice buongiorno è a ragno grande come un pugno, ovviamente, ci dedichiamo a Feli che l'avrebbe adorato.



Prima di iniziare il percorso attraverso la foresta, compiliamo la documentazione di cui hanno bisogno e ci danno alcuni consigli per la marcia come non fumare, prendersi cura delle formiche, non parlare ad alta voce, provare a entrare in una linea indiana, spegnere i telefoni cellulari e rimanere in gruppo Nella nostra avventura oggi Ronald ci accompagna che sarà il nostro inseguitore, una coppia italiana e un Ranger armato sarebbe responsabile per cercare di spaventare gli elefanti se apparissero sulla nostra strada (e sembra che possano colpire un po 'di paura)



La foresta di ficus è così fitta che a malapena possiamo vedere oltre i 20 metri e la nebbia con cui siamo partiti all'inizio della giornata conferisce persino un tocco magico. Ad ogni passo che facciamo, siamo sorpresi dagli enormi alberi coperti di muschio, viti contorte e dalla vegetazione lussureggiante che rende la strada un po 'ardua, eppure ci sentiamo immersi in una giungla tipica di una storia di Tarzan.




Mentre avanziamo prestiamo maggiore attenzione alle cime degli alberi che cercano di vedere qualche figura riconosciuta, lontano dalla foresta ci sono rumori di quelli che potrebbero essere diversi scimpanzé arrabbiati. All'improvviso un'ombra passa rapidamente sul nostro cammino. Roland gira la testa e torna indietro attraverso i passi già fatti. Siamo stati quasi 40 minuti sulla strada.

Quasi per intuizione, la prima silhouette chiaramente definita appare sulla cima degli alberi. !! È il primo Chimpance !!



Un corpo coperto di capelli lisci, colore che tira nero, non troppi capelli e con quel muso particolare, puoi vedere lassù che devi quasi lasciare il collo per vederlo



I nostri occhi quasi non vedono che gli scimpanzè si godono la colazione appollaiata sugli occhiali di alberi ma ancora ogni volta che siamo in grado di distinguerli o di percepire i movimenti lassù. Il nostro cuore accelera e proviamo un'emozione indescrivibile.


All'improvviso Ronald riceve una chiamata radio e ci dice che dobbiamo spostarci in un'altra area, dove sembra che abbiano visto gli scimpanzé mangiare a livello del suolo, quindi iniziamo immediatamente attraverso le rapide della giungla come frecce. È incredibile come queste persone siano in grado di orientarsi poiché ogni albero, che ci sembrerebbe esattamente uguale al precedente, serve da segnale per riconoscere le strade.



Siamo arrivati ​​in un'area dove abbiamo trovato un altro gruppo riunito a guardare in alto. Abbiamo cercato in silenzio di distinguere qualcosa tra le erbacce e improvvisamente, a pochi metri di distanza, vediamo uno scimpanzé aggrappato a un tronco d'albero che ci guarda e urla come se stesse protestando per interrompere la colazione della sua famiglia. In pochi secondi ti perdi in alto. Abbiamo cercato la posizione giusta per distinguere finalmente tre o quattro membri della famiglia e siamo anche riusciti a scattare qualche foto più decente, anche se questo è francamente difficile a causa dell'alta che sono e della vegetazione lussureggiante, diciamo che circa 100 poche foto che siamo riusciti a salvare ...



Gli scimpanzé sono una specie in via di estinzione e in Uganda ce ne sono quasi 5000, ma il più incredibile di tutti è che hanno un comportamento e una vita sociale non così diversi da quelli dell'essere umano, che si incontrano in gruppi più grandi quando vogliono giocare, anche se Senza alloggiamento fisso.

Forse questo treking, È durato quasi !! 4 ore !!, non è il modo più chiaro di vederli, ma ovviamente è l'esperienza più gratificante, vergine e autentica che abbiamo avuto in campagna, lontano da altri scenari dolcificati. E, naturalmente, la cosa più importante è che ciò che sembrava impossibile ... !! ci siamo riusciti !! e non è un compito facile poiché c'erano gruppi che venivano con noi che non riuscivano a vederli. Grazie anche al nostro ranger che pensavamo stesse gettando pangrattato come Thumbelina per sapere come uscire da quell'immensità che è la giungla di Kibale e grazie anche al "nostro vigilante" che con il fucile in mano stava proteggendo il gruppo



Come se la natura conoscesse anche il nostro esito, dopo una notte di forti piogge e una prima ora di "scimpanzé nella nebbia", il cielo si è aperto completamente e ci mostra un sole che attraversa i pochi spazi lasciati dagli occhiali.

E se ciò non bastasse a conoscere Kibale come il mondo dei "primati" (con più di 12 specie di scimmie come abbiamo detto ieri), quello che è un vero spettacolo è vederne decine, oseremmo persino dire che centinaia di farfalle in bilico intorno a noi. Sono scene per quella fantastica bottiglia di ricordi che prendiamo. Sembrano persino seguirci, accompagnandoci con i loro molteplici colori (blu, verde, rosso, bianco - non potevano mancare) e disegni (di strisce, strisce, immagini, punti) durante il nostro viaggio. Perché sarà? Lo sappiamo.




Lasciamo il Primate Lodge, dopo aver mangiato (beve 5500 UGX) e fatto il checkout (5000 UGX), un'esperienza che consigliamo sempre e Continuiamo il nostro percorso verso il sud del paese.

Ciò di cui non possiamo mai smettere di parlare è la sua gente, i suoi figli, il suo "Come stai? Come stai?" eccitati, del modo di vivere che hanno vissuto, come per una semplice caramella ti danno il meglio dei loro sorrisi, e c'è la Juve a riceverli, dando caramelle a tutti coloro che possono, e Paula consegna una maglietta a una madre in un gesto che eccita entrambi. Sono scene carine, molto più di ogni animale che possiamo contemplare in questo mondo e dal quale abbiamo molto da imparare.



Sulla nostra strada continuiamo a vedere il paesaggio di cui è composta l'Uganda, uno dei più belli che abbiamo visto in qualsiasi viaggio, immense nuove piantagioni di banane o altre colture o laghi nascosti (più di 30 piccoli laghi) che rendono questo paese un luogo con cui esaurire le qualifiche


Ieri ne abbiamo parlato Vacche Ankole, dall'antico regno di Ankole. Oggi ci siamo fermati a vederli. Sono davvero spaventosi e, sebbene siano mansueti, alcuni sono stati sicuramente difficili. Quelle corna non hanno nulla da invidiare a quelle di alcuni Big Five



Come abbiamo fatto in Kenya, questa volta anche da nord a sud, ci fermiamo di nuovo in Ecuador. Qui in Uganda non c'è nessuno che possa spiegare l'effetto di Coriolis o eliminare un villaggio per spiegare qualche altro pazzo scienziato italiano. Un segno indica quel passaggio e rimane anche una foto per la memoria. Juve, Isaac ... hai imparato molto da quegli scimpanzé, giusto? Siiiiiiiiiiiiiiiiiiii



Senza arrivare alle 2 ore e mezza, corriamo alla fermata successiva. Stiamo entrando nella regina Elisabetta N.P., alla base delle enormi montagne di Rwenzori (la terza più alta in Africa dopo Kilimanjaro e il Monte Kenya), adiacente al Lago Edward e al Lago George. Anche se viaggeremo domani, questa volta riceviamo un martello di uccello curioso e a buffalo impegnativo lontano da qualsiasi pacchetto.



Il nostro destino è dentro una piccola penisola nel punto in cui il Canale Kazinga che unisce i laghi precedenti, si fonde con il Lago Eduard, in uno dei lodge più belli che abbiamo trovato (stiamo regalando una calce e una sabbia negli alloggi, oggi dobbiamo lavare qualcosa). Inoltre, oggi faremo un piccolo capriccio, poiché c'è una piccola spa. Massaggio Quick Fix (o anche chiamato MASSAGGIO ALLA TORTURA per 25 USD a persona ... la prossima volta uno aromatico, per favore)


Sebbene le nostre camere abbiano una terrazza, ogni punto dell'hotel è un lusso osservare magnifiche vedute del canale, dell'ippopotamo, dei coccodrilli, degli elefanti o dei bufali sull'altra sponda, o ascoltare i suoni che la natura ci dà, sempre accompagnati da una diversità di uccelli NON FINITI e persino qualche altro animaletto carino



Mentre le ragazze finiscono la loro sessione di "tortura", la Juve e Isaac fanno il bagno. La piscina non è solo allettante, ma consente anche di godere del panorama


La notte inizia a calare e con essa compaiono le zanzare (il luogo in cui abbiamo trovato di più, ci sono veri battaglioni), anche se qui abbiamo trovato un particolare alleato, o piuttosto diversi. !! Sono pipistrelli !! E i buoni schizzi vengono bloccati contro il vetro e le pareti mangiandoli. Mentre abbiamo appena cenato (6750 UGX per coppia bevande)

Ma le avventure non finiscono qui, domani ce ne saranno molte altre ... ti abbiamo parlato dell'elefante che ci ha inseguito fino a quando non ci ha cacciati? Come stiamo scrivendo? Questo ... ehm ... meglio vederlo da solo, ahahah



Comunque, quelli per Fito, ahahah. Un grande abbraccio a tutti, da uno dei posti più belli di tutto il viaggio. E come sempre, lo siamo !! DI 10 !!


Juve, Ruth, Paula e Isaac, della regina Elisabetta N.P. (Uganda)

SPESE DEL GIORNO: 50 USD (circa 35,71 EUR) e 17.250 UGX (circa 4,46 EUR)

Video: Un pomeriggio da Regina (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send