Viaggio

Il personaggio degli australiani

Pin
Send
Share
Send


La differenza tra questa foto del Teatro dell'Opera di Sydney ...


e questo della stessa icona della città illuminata ...


... oltre all'ovvia differenza di prospettiva, sono 8 o 9 ore di luce in questo periodo dell'anno. Ore tra le quali fa la routine quotidiana un "australiano" nella capitale del Nuovo Galles del Sud, una popolazione di cui non abbiamo più dubbi, verremmo a rendere le nostre vite ad occhi chiusi.

Una vita il cui livello è eccessivo oggi per le nostre taschee che i budget ci hanno traboccato un po 'in pochi giorni, quindi oggi iniziamo a fare la nostra colazione (14 AUD) nella cucina del Sydney Harbour YHA dove abbiamo alloggiato. Abbiamo anche colto l'occasione per mettere una lavatrice e un'asciugatrice (3 AUD ciascuna), poiché c'è spazio anche per essa, approfittando del tempo libero per scrivere un po 'in Keys e organizzarci un po' per affrontare l'ultimo tratto in Giappone.


 

Come visitatori in Australia, siamo stati particolarmente appassionati della cultura aborigena che sopravvive ancora, forse più o meno sfruttato, ma che merita un viaggio solo ed esclusivamente in questo paese. Le gallerie della città ti permettono di goderti quest'arte basata su storie e temi centrati sulla terra e sulla sua spiritualità. È possibile che gli oggetti più importanti siano le loro lance, boomerang, cestini, diversi strumenti cerimoniali, oltre a dipinti, sculture e altre opere, ma quello che ci è piaciuto, senza dubbio, è uno strumento musicale che è anche decorativo chiamato didgeridoo.


 

Un "australiano" gira le spalle al resto del mondo. Mentre in Europa la negatività cresce, soprattutto in Spagna, con l'intera questione della crisi di fiducia, il premio per il rischio, ecc ... e la stragrande maggioranza dei paesi del mondo, tranne i paesi emergenti, sono impantanati nella grave crisi che affrontiamo, gli australiani Aprono aziende, seguono le loro vite in gran parte al di fuori di esso. Respiri ottimismo e buona atmosfera. Le persone corrono fino ai giorni della settimana per le strade della città, altre si muovono nei grandi centri in mezzo ai grandi viali, altre camminano ...


 

Altri semplicemente bevono una birra su una terrazza di Circulas Quay (8 AUD) mentre vedono come i gabbiani hanno spostato i piccioni delle piazze, o sembra che ci sia un Ibis ignaro che sembra essere il re del recinto.


 

Mentre è vero che la barriera linguistica è importante per noiIn 36 giorni con il viaggio di oggi, e più di un mese da quando abbiamo lasciato gli Stati Uniti dove ascoltiamo regolarmente le ultime parole in spagnolo, non è stato particolarmente importante e ci siamo capiti con conforto. Se nei paesi del Pacifico è stata compresa la gentilezza della gente, qui in Australia ci siamo incontrati un paese pieno di ottimismo e gioia che ci ricorda la Spagna 5 o 6 anni fa, dove tutti erano felici.

Inoltre, L'efficacia e l'efficienza degli autraliani è eccezionale, i loro mezzi di trasporto, la loro attenzione sui siti, la loro velocità


 

Un chiaro esempio sono i servizi di autobus gratuiti in città o l'agilità dei suoi aeroporti, dove siamo stati davvero entusiasti. Linee di fatturazione immense vengono spedite con una prontezza che spaventa. Per non parlare dei controlli del bagaglio, dove non ci sono 300 persone che chiedono prima la carta d'imbarco, non ti fanno togliere gli orologi, le scarpe, e poi ti aiutano persino a fare le cose. L'imbarco non è meno, un aereo da 150 passeggeri si riempie in 10 minuti, poiché nessuno richiede un passaporto o un documento d'identità, hai la carta d'imbarco e ti mostrano il codice a barre e ti controllano senza fermarti. !! Ci piace !!


 

Ma non meno la sua ospitalità, dove ad eccezione di alcuni siti turistici, da quando chiedi fino a trovare il tuo cibo al tavolo (27 AUD), non ti ha dato il tempo di andare al servizio. !! Siamo affascinati !! È possibile che il 'Figi"Faa samoana'e il tempo delle isole del Pacifico ci fanno vedere tutto con un'altra prospettiva, ma non ci crediamo.

ORGANIZZANDO IL MARZO:

Non abbiamo notizie. Domani a Brisbane, e dopo Tokyo, se tutto va bene e Virgin Australia e Jetstar si comportano bene

L '"australiano" che gira le spalle ai tabù e ad alcune regole prestabilite in altri paesi, quella che ha preso il bene di ogni cultura occidentale e l'ha ottimizzata, quella che ha creato città davvero pianificate come Canberra come capitale come abbiamo visto ieriÈ anche gentile e rispettoso. Ci era stato detto male degli australiani. !! NO! Sono davvero adorabili. Quella ragazza che viene da te per strada senza chiederti di fare una foto, o quella che lascia la sua telefonata per aiutarti perché ti vede all'oscuro, o tutti quelli che ci hanno aiutato a integrarsi in luoghi come Tanna (Lynn), Uepi (Kattie, Danielle, David e Ian), Mounu (Mr. Hood) o kiribati (Sig. "Ambasciatore") ...

un nuovo tramonto, l'ultimo che vedremo, non perde di nuovo il suo appuntamento. Non è mancato nessun giorno e oggi dire addio né lo farà


 

Abbiamo incrociato dozzine di giapponesi dal Bay Bridge che stiamo attraversando anche se oggi non per le sue altezze come abbiamo fatto il secondo giorno. Fanno già parte della vita degli australiani. È possibile che insieme agli indiani (di cui abbiamo visto anche molti), cinesi e sudcoreani, siano quelli che provengono maggiormente dal turismo, per motivi di studio, e l'Australia li accoglie. !! molto!


 

Ricordiamo i panorami che ci sono piaciuti così tanto, forse i migliori della città, e abbiamo attraversato una nuova area per noi, la costa nord, dove si trovano alcuni dei quartieri residenziali più frequentati tra cui Mosman, Kirribilli e Neutral Bay.


 

Mettiamo da parte il parco divertimenti Luna Park, oggi chiuso, per scendere un centinaio di scale che poi faremo un passo indietro sui nostri passi. Il sole ha lasciato il posto a luna, in periodo crescente, e i suoi raggi alle luci della città che cambiano la foto della sua copertina


 

il Harbor Bride si illumina. Per anni è quella che ha la migliore situazione per controllare la città e sorvolare milioni di navi, traghetti, barche, chalanas, barche a vela e navi da crociera che attraversano le acque che sorvolano ogni anno.


Lo stesso dell'Opera, le cui funzioni devono essere davvero eccitanti e che è responsabile dell'accoglienza di tutti i fortunati che vengono via mare


I panorami da questo lato del vecchio porto naturale di Port Jackson, oggi Sydney Bay, forse l'ultimo che ci mancava, sono forse i migliori che abbiamo avuto e la tranquillità che si respira, con solo un'altra coppia all'oscuro in questo piccolo gazebo circondato anche da giardini.

Torniamo sui nostri passi, per due persone che amano la gastronomia come noi e, nonostante il nostro budget limitato, non potevamo perdere l'occasione di provare alcune prelibatezze locali in una bellissima posizione


 

Abbiamo scelto il famoso Waterfront (136 AUD), da dove puoi vedere le due icone, oltre a goderti una terrazza senza dover fare freddo in questo inverno meridionale (facendo ancora 7 o 8 ° C di notte). Il cielo è completamente limpido e, sebbene di solito sia difficile, le stelle sono viste dalla città

Ricordiamo i nostri amici Joseba e Margari, che hanno trascorso qui a Capodanno. Deve essere davvero incredibile, con tutti i fuochi d'artificio che illuminano la baia, come vediamo ogni giorno il 31 dicembre dalla Spagna (anche se ultimamente non abbiamo trascorso quasi nessuno tra Salisburgo, Praga, ecc ...) mentre aspettiamo il nostro ingresso dell'anno (foto da Google Immagini)


 

Un bicchiere di vino bianco, salmone, coccodrillo e un delizioso canguro (Ci sono più di 35 milioni di canguri e solo 21 milioni di australiani, nessuno si preoccupa!) Saluta la nostra ultima notte ...


 

... di una città bella, magica, affascinante, di quelle che ci vorrà molto tempo per dimenticaree come prima non ci eravamo innamorati di un altro. È lontano da casa nostra ma chi lo sa? un giorno potrebbe essere possibile sognare di vivere qui ...


Isaac e Paula, da Sydney (Australia)

SPESE DEL GIORNO: 191 AUD (circa 173.64 EUR)

Video: INTERVISTA AD UN ITALIANO IN AUSTRALIA (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send