Viaggio

Conoscere Savai'i in Samoa

Pin
Send
Share
Send


Nuova bella giornata di sole a Samoa. Sembra che i "fantasmi" della tempesta del nostro arrivo non fossero altro che una notte isolata.

Il personaggio di Dennis sembra essere puntuale, e solo la colazione e con una minimachila preparata (lasciamo gli altri nell'armadietto di Elisa) facciamo rotta nel 4x4 della "Fondazione SWAP" (un'invenzione del pazzo est) verso la costa occidentale dell'isola, da dove partono i traghetti per Savai'i.

Lungo la strada impareremo qualcosa in più spettacolo "tribale" di Samoa che viene impiantato fino ad oggi. Così abbiamo attraversato la tomba di uno dei principali "capi" che sono morti di recente, dei due scontri che erano lì, lasciando solo uno attualmente in Upolu. I capi, a differenza del sistema di successione familiare come nel caso del Regno di Tonga, nascono dalla popolazione per i loro meriti, le loro attività, la loro popolarità e la loro reputazione e guadagnano la fiducia delle persone. Di solito ce n'è uno per ogni numero significativo di persone, e sotto c'è una specie di "comando piramidale".


 

Nel frattempo, abbiamo raggiunto il area di attesa del traghetto. Ci sono orari diversi a seconda del giorno della settimana, ma di solito ci sono 2 traghetti che attraversano l'isola continuamente. noi andremo da Lady Samoa II. C'è anche la possibilità di volare dall'aeroporto di Apia, ma ciò richiederebbe il noleggio di un'auto a Savai'i e ci farebbe aumentare troppo il budget sempre meno confortevole.


 

Il viaggio in traghetto è abbastanza tranquillo e a malapena dura 1 ora e 10 minuti. Sotto ci sono i camion e le macchine che vogliono attraversare e sopra ci sono diversi posti sia all'esterno che all'interno, dove la gente sta guardando le Olimpiadi, di cui, a proposito, non ne abbiamo idea. Abbiamo dimenticato la TV, la stampa, la crisi e la società civile ...


 

Lo siamo tutti Sembra che Dennis abbia ancora ragione, quindi abbiamo iniziato il percorso attraverso Savaii attraverso il Mercati di Tafua vicino al porto. È uno "strano" mercato in quanto mescola stand, con artigianato, cibo, persone che giocano a bingo e una parte del cibo. Paula non resiste al fascino dei piccoli arazzi (10 WST)


 

Sopra siamo curiosi una specie di "panino incinta"fatto con una specie di impasto dove introducono una miscela di pollo, cipolla e altri ingredienti come" trito ".


 

Il suo nome sembra essere qualcosa come "kiki pua" e una volta bollito in olio è abbastanza ricco e la prima fame del mattino ci uccide (2 WST)


seguente lungo la costa meridionale Con una destinazione chiara (l'itinerario è stato preparato da noi temendo il peggio), continua ad allucinarci (soprattutto dopo aver visto il panorama su altre isole) il buon gusto, la cura e l'ordine del popolo samoano. La sua erba tagliata, i suoi ciottoli disposti a forma di perimetro, le sue case dipinte, le sue chiese con la sua campana di rivendicazione. Il tema delle chiese, di cui abbiamo commentato molto, è un fanatismo inveterato e un "flagello" per una mentalità come la nostra. Qui è obbligatorio dare il 10% di ciò che guadagni, e se non sei un "ripudiato", ma non solo soddisfatto di ciò, ogni settimana devi fare donazioni e la tua donazione viene aperta pubblicamente con nomi e cognomi della famiglia che lo ha fatto ...


 

Ci fermiamo in una specie di piscina che conosci Dennis. !! Una stronzata !! Parliamo un po 'di questo personaggio. Dennis è un "Z.U.M.B.A.O." Con tutte le lettere, è stato intrappolato in una "follia permanente". Vive circondato da immondizia e ha creato alcuni siti Web e quella che chiama una fondazione SWAP che è ancora una "pantomima" supportata da un poster nella sua disgustosa piantagione. Non appena esce di casa, indossa quel ridicolo abito da poliziotto e il suo segno SWAP per sembrare una persona importante, e va a "scuola" con i samoani dicendo che ha "l'istinto di un poliziotto, una collana da capo (indossa una collana ridicola indossata dai capi da lui creati) e un cuore samoano". In breve, un giorno viene espulso dal paese come bugiardo poiché i samoani lo guardano con la faccia di "Dove sta andando questo colgao? ..."


Poiché non si sta comportando "troppo male", reindirizziamo il percorso cercando di trovare come arrivare a una delle grandi motivazioni che ci hanno portato a Samoa, il Pulemelei Mound. Ovviamente Dennis non ha idea di arrivare, nel caso qualcuno potesse dubitarne, con quello che abbiamo finito per chiedere in una città dove dovrebbe essere e ci dicono che la giungla l'ha mangiata e che nessuno ci va più.

Con alcune dimissioni, proviamo a scoprire se c'è un modo per arrivarci, dov'è la strada e qualche informazione in più, fino a quando abbiamo finalmente raggiunto il nostro obiettivo. Il "capo" del villaggio offre due suoi parenti a unisciti a noi attraverso la giungla lì. Ci avverte che è un'ora di camminata al sole che sta colpendo a 31 ° C al momento e senza un percorso chiaro. NON LO DUBBIAMO!


 

Inutile dire che il "impiccato" Dennis non ci ha avvertito della necessità di portare vestiti da trekking e così via, che, eccoci in infradito e pantaloncini e un ombrello !! per il sole !! . Siamo già bloccati come lui. Certo, l'abbiamo deluso.

Attraversiamo fiumi, vegetazione lussureggiante che ha mangiato quella che sembra essere una vecchia strada, alti alberi di cocco e complicate aree rocciose ...


 

Mentre una delle simpatiche "guide" apre la strada al "machetazo", l'altra è in attesa di noi per stare bene. La strada non diventa difficile in sé, anche se le infradito non sono le calzature più adatte. Per un momento sembra che la giungla ci ingoia ...


Mentre ci avviciniamo al nostro obiettivo, comincia a essere visto qualche resto di una visita locale più o meno recente, e ciò che era un segno di un tempo mangiato dal passare del tempo


 

Saliamo gli ultimi metri, il più co-moltiplicato per l'area delle pietre vulcaniche in questione, lasciando da parte un altro segno che mette qualcosa come "parcheggio auto". Decine di anni fa si accedeva qui in auto. I samoani non hanno una visione aziendale e hanno perso il loro valore principale letteralmente attraverso la giungla


 

Possiamo vederlo, ci siamo quasi toccati ... siamo in una sorta di cima di una montagna, con splendide viste e circondati da alcune strane pietre, resti di quella che fu la piramide di Pulemelei, la più alta della Polinesia, alta 12 metri.


 

Questa struttura, insieme a diversi tumuli antichi, è l'eredità più antica delle isole, anche se sembra che gli archeologi non abbiano ancora concordato la loro data di origine. Il mistero che circonda la piramide è più grande di quanto possiamo capire, perché è considerata la culla della polinesia. Parliamo di una struttura di circa 65x60 metri quadrati costruita su una base di pietra che si allinea con i quattro punti cardinali

Oggi troviamo cibo attraverso la vegetazione e la giungla, ma possiamo ancora osservare le complesse e strane pietre di basalto delle dimensioni di una palla. Si dice che sia stato il grande dio Togaloa a costruire questo posto e il suo mistero è della grandezza del moais dell'isola di Pasqua o di Nan Madol in Micronesia.


 

I panorami da questo punto sono davvero magnifici, potendo osservare l'orizzonte in giornate limpide come oggi ...

... non sarebbe sorprendente se il misticismo del luogo viene associato alla stessa funzione del trititlon che abbiamo vistol un altro giorno a Tongatapu (Tonga) il cui scopo era guidare le navi a grandi distanze lungo la retta via


Come abbiamo considerato Rock Island a Palau (Micronesia), l'arcipelago Vavau (Tonga) e Laguna di Marovo nelle Isole Salomone Come le tre grandi meraviglie della natura in quest'area, è molto probabile che i tre grandi misteri e vestigia del passato di queste isole vengano dati dal Trititlon di Tongail Il tumulo Pulemelei qui alle Samoa e speriamo di poter accedere in futuro, Nan Mandol in Micronesia

Se serviva davvero a guidare le barche, speriamo che avessero dei buoni cannocchiali, perché le pietre sono enormemente pesanti. Paula, stiamo tornando?


 

La discesa è ugualmente complessa e siamo anche sezionati. I nostri "amici" sono davvero fantastici e veloci Si sale su un albero di cocco e ci lancia diverse noci di cocco che servono come ristoro e cibo per il ritorno. Che bella idea!


 

Paulaaaa! Lasciami qualcosa! Ma ci sono noci di cocco per tutti! Bene, ne voglio due! Lì sei goloso!


 

L'avventura finisce dove è iniziata (e propinilla per i ragazzi, 10 WST), e Dennis, che non si è nemmeno mosso per unirsi a noi, ci aspetta per seguire il nostro percorso. Come il prossimo sono le cascate di Afu Aau, una specie di cascata che cade su una piscina naturale, ci hai detto di rinfrescarci un po 'prima di continuare


 

Dopo aver parlato con le persone che "mantengono" questo posto e dicono "quanto è grande capo" (la gente va fuori di testa), inizia a correre come un "manichino" nell'acqua per bagnarsi i piedi. Davvero, questo ragazzo non è nella testa, mancano alcuni dadi di altri. Ad ogni modo, non abbiamo altra scelta che sopportarlo. Guida, guida bene ...


Abbiamo preso la rotta verso nord. Come domani abbiamo il traghetto alle 12:00, nel caso avessimo fretta, oggi abbiamo deciso di fare Pulemelei e l'area sud-est e ora ci stiamo dirigendo verso la zona più turistica e conosciuta. Lungo la strada prendiamo un paio di regressioni (4.80 WST)

Gli autobus sono anche visti in Savai'i e crediamo davvero che non sarebbe lo stesso paesaggio senza di loro, anche nei luoghi più inospitali che non avevamo mai visto prima a Upolu


 

Siamo arrivati ​​al "turista" del giorno. Nuotare con le tartarughe? Ascolta la parola tartarughe e lascia Paula come un razzo.


 

Siamo in una sorta di piscine naturali gestite da una famiglia, che è stata responsabile del mantenimento di alcune famiglie di tartarughe, in modo che oggi sia diventata una delle principali attrazioni di Savai'i


Paula, dove sei? Ahhh, stai già facendo nuove amicizie ...


 

È come andare in ritiro per dare da mangiare alle anatre. Qui le tartarughe sanno "più della rita" e appena vedono qualcuno vanno in piscina per cercare il loro cibo. È davvero possibile nuotare con loro, ma solo il morso che uno di loro dà a Isacco in una delle piccole dita toglie il desiderio, ahahah


 

Come in tutte le specie, ce n'è sempre una più forte di un'altra, che all'occorrenza passa sopra


 

E per non parlare del fatto che mangiano tutto ciò che gli lanci. Comunque ... per chi è stanco della pensione, anche se Paula lascia il mare felice.


Ciò che provoca davvero sensazione, a pochi chilometri di distanza, i campi di lava e le rovine di Afio Mai


 

tra le ultime eruzioni vulcaniche del monte Matavanu avvennero sull'isola nel 1905 e nel 1911 i cui resti sono completamente nascosti nella vegetazione ma c'è ancora un'area a nord dell'isola dove i campi di lava ricordano la tragedia. Qui possiamo vedere una chiesa che è stata completamente sopraffatta dalla lavanderia e lascia oggi un'immagine ezpeluznante


 

Finora la vita si è fatta strada. Gli alberi hanno sfondato i campi di lava e l'acqua, creando curiose grotte o caverne in questo luogo apocalittico.


 

La giornata è stata intensa e abbiamo raggiunto ilnella zona più settentrionale di Savai'i per cercare di rimanere a Manase. L'ultimo giorno ad Upolu abbiamo visto alcuni pesci tipici che sono diventati famosi nelle Samoa. Oggi dormiremo in uno di loro al mare. Può essere una bella esperienza per concludere la giornata.


 

In una specie di tasca locale, cogliamo l'occasione per vedere un bellissimo tramonto che prende quei mojitos (17 WST) che ci mancano. Questa zona dell'isola è davvero bellissima e molto diversa dal resto di ciò che abbiamo visto in questi giorni alle Samoa


La cena, molto scarsa, è fatta in comune. Il "pazzo" Dennis non sa dove dormirà, ma intuiamo che lo farà nella macchina stessa.

ORGANIZZANDO IL MARZO:

Abbiamo deciso la prossima settimana. Abbiamo bisogno di stress adesso. Abbiamo voli da lunedì a giovedì per Tarawa, Kiribati, una delle destinazioni da sogno di Isaac con tutto ciò che riguarda la seconda guerra mondiale. Domani dormiremo a Nadi e Kiribati in un Marys Motel (ci sono quasi 2 o 3 opzioni)

Dopodiché, giovedì proveremo ad arrivare a Sydney per continuare la nostra avventura.

Abbiamo già la nostra burrasca pronta a dormire. Domani sarà un altro giorno. Famiglia, amici, lettori, siamo ancora fantastici ...


Isacco e Paula, di Manase in Savoia (Samoa)

SPESE DEL GIORNO: 33,80 WST (circa 11,65 EUR) e REGALI: 10 WST (circa 3,45 EUR)

Pin
Send
Share
Send