Viaggio

Il potere dell'emozione ...

Pin
Send
Share
Send


Forse quando Vero Leggi il titolo di questo articolo La prima cosa che faccio è trovare le parole chiave che mi hanno portato a scriverlo. forse adri cerca quei piani che completano un video perfetto, edredone quel dettaglio gastronomico che ti piace così tanto o Javi quel punto di spirito romantico a cui dà i suoi articoli. Forse mia cara "Gavetiñas" prova a trovare informazioni utili per continuare il tuo viaggio intorno al mondo e Mauxi la sua curiosa nota con cui documentare una nuova storia. Molti altri criticano semplicemente chi usa un giorno del diario di viaggio per rinunciare alla destinazione, quello importante e la cui importanza non è negoziabile ...


Suppongo che dopo 8 anni di vita sul blog, molti non hanno ancora capito che chi scrive dietro queste righe è ancora considerato puramente emotivo, lontano da qualsiasi razionalità, credente assoluto che qualsiasi monumento, destinazione o luogo sia dotato di significato solo quando viene raggiunto quel momento in cui il tempo si ferma e di chi Ricordo di non aver conservato il ricordo, ma puramente il cuore (quello che non dimentica mai)

Sono le 2.35 del mattino e ho gli occhi spalancati. Il Jet Lag prende il suo pedaggio, ma anche lo shock post-viaggio. Ricordo ancora quello prezioso tramonto a Puerto Vallarta, il suono del bruciatore che ha riscaldato l'aria nel palloncino che ci ha fatto esplodere San Miguel de Allendeo l'adrenalina dei Quad o gli splendidi colori dello sfondo delle case di Guanajuato. Ma soprattutto, ricordo la notte del GIORNO 16, quando forse a causa dell'incomprensione dei miei compagni di viaggio, Ho appena guardato il suo lavoro quasi per l'ultima volta, finalmente con il computer spento e una fredda corona tra le mani (o 2 o 3).


 

Credo fermamente nella necessità trasmettere una destinazione, ma credo molto di più nella capacità che i blogger devono ottenere facendo sentire il lettore parte del momento, volendo posizionarsi in quella foto di quel punto di vista il cui gruppo selfie rauda emozioni, o vista di "uccello", in cui una GoPro con 8 blogger con un certo grado di follia, perdita di "chiave", scatta foto su un cestino fluttuando in una bolla di sapone. Credo anche che la professionalità non sia in contrasto con dozzine di profili diversi in questo mondo, anche se molti sono determinati a "monitorare" e decidere i parametri "giornalistici" in cui dobbiamo spostare. E penso che la comunità dietro di noi lo supporti già.


È anche vero che il giorno del ritorno di un viaggio (già in La Coruña), con più di 12 ore di volo, una scala quasi persa e alcune occhiaie fino al mento, ha solo una cosa da dire ... il grande abbraccio in cui ci siamo fusi per un addio, che ho quasi apprezzato è stato fugace, come era il giorno prima con due canarini che si stabiliscono in questo momento nel loro hotel raccogliendo il loro "piccolo pezzo" nel mondo mentre preparano nuove destinazioni.


Il potere dell'emozione ...

Rispetto per chi usa l'altra parte della massa che porta la nostra testa, l'emisfero sinistro, il cervello razionale, quello della logica, quello dei numeri, quello dell'analisi e quello dell'astrazione per trasmettere o trarre conclusioni da qualsiasi aspetto della vita. In effetti lo considero necessario per l'obiettività. Adorerà estrarre i dati da questa prima tabella della campagna ...


tuttavia è empatia, la capacità di risuonare le proprie emozioni negli altri o viceversa, che ci dà quella capacità di sentire con il resto e anche attraverso queste righe con il lettore. Quello stesso che ha realizzato che in un blogtrip impegnativo si adattava perfettamente un gruppo di persone di profili diversi il cui pizzo mi ha fatto drizzare i capelli.

Javi è un creatore iperattivo. Quel tipo di persona che apparirà sempre nelle tue foto perché mentre stai preparando la fotocamera ha già visto tutte le prospettive. Pusher, sempre positivo, è stato un vero motore del gruppo nei momenti di maggiore affaticamento ... e anche un artista del visual.


 

Mauxi è l'eterno disperso. Foto di gruppo? Dov'è Mauxi? ... anche se dobbiamo ammetterlo per una buona causa, ed è lì che si vede, mmm, una fonte ?, ha già un entusiasmante compito di documentazione preparata per il ritorno su alcuni aspetti rispetto al resto Non abbiamo visto. Non vedo l'ora di leggere le tue "turiscuriosità"


 

con adri Ho lavorato fianco a fianco per diversi mesi, eppure c'è qualcosa che mi ha sorpreso, e cioè capacità lavorativa agganciarsi giorno dopo giorno senza dormire per essere in grado di raggiungere i loro obiettivi, e oserei dire sogni. Quando alcuni parlano, mette molta realtà e un percorso di ispirazione


 

La signorina Eider è un terremoto e la mia scommessa personale per i blog più recenti. Ha una lunga strada da percorrere ma ha un approccio molto diverso che dà aria fresca a qualsiasi gruppo di viaggio. E il migliore, penso di non aver visto qualcuno così preparato da molto tempo, con carriere e quante lingue? Penso di essermi perso in inglese, francese, tedesco, cinese?


 

Mio caro "gaveaways", Marcos e Yoli, sono quel tipo di persone che si innamorano dopo averle viste. Stanno girando il mondo in modo più "originale" (lo lasciamo lì?) Che ho visto finora, ma soprattutto, sono quella coppia di persone che si immedesimano e generano bel tempo ovunque vadano, sempre disposti a portarti fuori Un sorriso fino ai giorni più complicati ... e oggi un sorriso è la cosa più preziosa che la gente ha.


 

Vero probabilmente è stata la mia grande scoperta. È nella fase terminale ma recuperabile (come mezzo gruppo, ahah), essendo una delle persone più produttive che ho visto nel tempo. È in grado di risolvere i problemi anche sognando, e pensa sempre a come ottimizzare tutto ciò che gli sta davanti. Spero solo, e così lei lo sappia, che all'interno di quella cipolla di razionalità, lasciare spazio almeno per il rum (solo scherzando).


 

A tutti loro ea tutti coloro che ci leggeranno in questi anni, vi lascerò un piccolo video da vedere quando sei scoraggiato o vuoi solo ricordare tutto ciò che c'è dietro le istantanee che lasciamo sui giornali come questo. Ed è che Chavetas è nato per questo, per poter leggere con 70 anni seduto su un divano davanti a un camino in un freddo pomeriggio invernale, e ricordare una vita di viaggio.

Dozzine o addirittura centinaia di persone passano da noi ogni giorno, molte delle quali vale la pena scoprire. Tuttavia, stiamo diventando meno consapevoli di ciò che ci circonda. Guarda, osserva, interagisci ... e che dietro quei blog che amiamo, oltre alla SEO, plugin e server, c'è una cosa molto più importante da trasmettere ... IL POTERE DELL'EMOZIONE! !! Forever #AllMexicoTrip !!

Isaac, già a casa con Paula (Spagna)

Pin
Send
Share
Send