Viaggio

Kakku, il gioiello del territorio Pa-O

Pin
Send
Share
Send


quando Joseba mi ha proposto di raggiungere Kakku Devo ammettere che non sapevo nemmeno di cosa stesse parlando. Ho dovuto cercare abbastanza da scoprire che quello che stavo proponendo era di raggiungere uno dei gioielli di un territorio all'interno del Myanmar stesso, il territorio Pa-O, un posto lontano dalle rotte turistiche stabilite e arrivare sarebbe una lunga strada avanti e indietro.

il Il Lago Inle ritorna all'alba con quella nebbia misteriosa Passiamo ogni mattina per lasciare questo alloggio nascosto dove passiamo la notte.



Kakku è lontano dalle strade principali, circa 3 ore dal Lago Inle, nelle intere colline dello stato di Shan, sulla riva orientale del Lago Inle.

Inevitabilmente abbiamo una sosta sulla strada a Taunggyi per prendere un nuovo compagno di viaggio. Questa è la nostra guida Pa-O, a requisito indispensabile per entrare nell'area di questo gruppo etnico, anche di religione buddista, che coesistono insieme al resto di Bamar fondamentalmente nello stato di Shan in cui ci troviamo. Più tardi proveremo a scoprire qualcosa in più su questa particolare popolazione.

Cosa vedono i nostri occhi? Siamo di fronte a uno dei luoghi più affascinanti in cui siamo entrati. Un posto magico, lontano dai percorsi tradizionali (non c'è nessuno) che, separato dalla strada, si raccoglie un grande recinto con oltre 2500 stupa davvero incredibile.


Qui sono concentrate una moltitudine di piccole pagode provenienti da diverse fasi della storia, poiché puoi vedere perfettamente la differenza tra la più antica, la più semplice e la più recente, bianca e placcata in oro. Tutti sono circondati da figure adorabili



Questo luogo storico, che copre un'area di quasi !! 1 chilometro quadrato !!, è stato aperto alle visite nel 2002, ma rimase nascosto per secoli al mondo fino a quando il primo occidentale lo trovò nel 1996. Sembra che risale al tempo del grande imperatore Ashoka intorno al 300 a.C.



La verità è che è davvero impressionante visitare il sito. Se qualcuno vuole vedere ogni dettaglio, potrebbe trascorrere giorni qui



Ma il più eccitante di tutti è l '"effetto" della foresta di pagoda che viene creata una volta dentro. In effetti, se si dovesse descrivere questa sarebbe la definizione "una vera foresta".



Lasciamo Kakku e questo piccolo "mini-paese" del Myanmar, ma non prima fermati in una città Pa-O. Ci sono circa 600.000 Pa-O che mantengono ancora la propria lingua. La sua storia risale al 1000 a.C. e dopo diverse migrazioni e fasi in cui furono esclamate, fu nel 1947 che respinsero l'unione con la Birmania e che il loro stato fu integrato nello stato Shan. Anche così, la loro società si è adattata con i Bamar, anche nei loro abiti e tradizioni.

Camminiamo attraverso il villaggio, abbastanza calmo, vedendo il suo principale stile di vita, l'agricoltura, così come le colture di foglie di senape e thanapet, fino a inaspettatamente, una vecchia ci invita ad entrare nella sua casa di bambù (un magnaccia, comunque) e accettiamo volentieri.


Qualcuno ha mai avuto un Conversazione orata? Ci sediamo attorno a quello che sembra essere il tavolo, appoggiandoci direttamente sul pavimento e gentilmente ci offre il tè. Fino a quel momento la lingua dei segni serviva, ma da lì abbiamo iniziato la conversazione più subrealista che abbiamo avuto nei nostri viaggi.

Da un lato ci troviamo a provare in spagnolo che Arale ci capisce, Arale alla guida Pa-o è indirizzato in "perfetto" birmano, in modo che la guida Pa-O in una nuova lingua lo trasmetta alla vecchia in Pa-O. Arale si innervosisce e non capisce "o palote" e inizia a parlare con la guida Pa-O in inglese, e questa a noi in inglese, in modo che Arale ci parli in birmano. Tutti si guardano l'un l'altro e mentre la vecchia, sbalordita da una scena del genere, ci guarda e ci parla in Pa-o. In totale, che senza smettere di ridere finiamo per parlare con ognuno di noi che vuole, sì, vista la gentilezza e la pazienza della nostra hostess. Comunque ... quello che potevamo ridere non era poco.



il interno di casa È davvero semplice, con una piccola area piena di ceneri dove accendere un fuoco per il bollitore e, supponiamo, per prendere un po 'di calore, alcuni tappeti di paglia e una specie di schermo che funge da separazione.

Ricordo che mentre stavamo parlando con questa gentile signora anziana, nella nostra particolare "torre di babele", ci disse che le sarebbe piaciuto viaggiare anche per incontrare persone e mondi diversi da lei, ma sfortunatamente non aveva mai lasciato il suo villaggio. Quell'affermazione, fatta da quella donna le cui condizioni di vita erano così dure, mi ha lasciato piuttosto impressionato perché pensavo che avrei avuto altre "priorità" nella vita molto più importanti del viaggio e, tuttavia, va e rilascia che idea. E, che ci crediate o no, quell'esperienza mi ha sicuramente confermato il fatto che una delle cose più importanti per l'essere umano, indipendentemente dalle loro condizioni di vita, età, sesso, convinzioni, ecc. È conoscere altre cose diverse dal mondo in cui viviamo. Joseba

Abbandonando e salutando già la gentilezza della vecchia signora (che non ci chiede nulla), possiamo vedere che all'esterno non è altro che pannelli di legno ricoperti di paglia, erba e canne di bambù.


La nostra visita in uno di quei posti sul pianeta che alla fine rimarranno nelle nostre retine termina, e il ritorno non ha molto da dire più che una nuova sosta lungo la strada in un "Sunset Wine-Garden & Restaurant" dove puoi stare oltre a comprare qualche souvenir (ti piace la mia nuova maglietta?) e mangiare "qualcosa senza curry" circondato da spettacolari vigneti e vegetazione lussureggiante di questa zona della Birmania


Isacco, dal lago Inle (Myanmar)

SPESE GIORNO 16: 8.000 MMK (circa 5eu)

Video: Suspense: 'Til the Day I Die Statement of Employee Henry Wilson Three Times Murder (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send