Viaggio

Il viaggio in Antartide in video (I)

Pin
Send
Share
Send


Giovedì 3 dicembre 2009, i nervi possono venire con me e ho dormito a malapena. Sto entrando nella nave da spedizione Professor Molchanov ci porterà in Antartide. La sensazione generale che percepisco è che stiamo andando molto, molto lontano, oltre ogni cosa conosciuta. Lasciamo Usuahia alle spalle e con poco vento andiamo attraversando il Canale di Beagle. Il rock n 'roll inizia tra 4 ore, ci dice il dottore. Non voglio nemmeno immaginare cosa ci aspetta oltre Cape Horn, il temuto Drake Pass ...

Iniziò così un'avventura che avrebbe realizzato il sogno di un giovane, un sogno di molti, e il cui video aveva Carme lo scoop di mostra nel tuo blog Round Trip non molto tempo fa

Ora, e per "richiesta popolare" (anche se non sono mai stato un fan dei video, mi piace immortalare un luogo con un ricordo o una buona fotografia e ricordare ciò che è sempre nella mia testa), cercherò di prenderti un po 'di più cos'è stata per me quella sensazione di inospitale bellezza accompagnata da momenti di profonda solitudine.



Domenica 6 dicembre 2009. Ralf dice che non ci sono 2 viaggi uguali. Quando vai in Antartide, e altro ancora su una nave da spedizione (lontano dalle enormi navi da crociera che non toccano nemmeno la terra), viene improvvisato in base alle condizioni. Il Mare di Weddell, che gran parte dell'Oceano Antartico crolla molto rapidamente negli ultimi tempi e ha deciso che il capitano non vuole giocare. In pochi minuti tutto ciò che ci circonda si è trasformato in ghiaccio. Devi uscire di qui in fretta. Prendiamo direzione il Base russa di Bellingshausen a King George Island.

Prima di arrivare in uno dei momenti più difficili del viaggio, non vedo l'ora scalare a Port Foster nel mezzo dell'isola di Deception, isola di un antico vulcano spento e anche antico luogo di caccia alle balene ...

... e il simpatico "Juanitos" che ci ha accolto e circondato Trinity Island e sembrava incaricato di riportare la barca nel nostro alloggio per camminare.




Mercoledì 9 dicembre 2009, abbiamo appena avvistato le megattere. Hanno ballato intorno alla nostra nave come una storia di marinai che ha dato origine ai grandi miti dei mostri marini e dei canti delle sirene. Scendiamo per fare un "atterraggio" di Dallman Bay nell'isola di Melchor. Nevica, fa freddo. Oggi viviamo la vera crudezza dell'Antartide

Nonostante i mille e uno strato di vestiti che indossavamo, mi sentii congelare le mani. Non li ho sentiti. Nel momento in cui la radio emise di nuovo un suono, fui sollevato.

Uno dei primi posti in cui sono riuscito a sentirmi completamente mimetizzato con tutto ciò che mi circondava era dentro Wilhelmina Bay sull'isola Enterprise. Lì ho potuto "sentire" per la prima volta il silenzio dell'Antartide, l'immensa solitudine, spezzata solo dallo schiacciamento degli enormi banchi di ghiaccio che si spezzavano in lontananza (e godendo !! del nostro unico barbecue !! perché il cibo era più simile a "scarso" a Molchanov)



Giovedì 10 dicembre 2009, l'unico posto dove sbarco dell'isola di Cuverville È sulla North Beach. Da lì dovremo andare con le racchette da neve (con tutte le limitazioni che implicano) attraversando una calotta di ghiaccio permanente. È già il mio viaggio di 16 giorni (dopo le avventure di Uruguay e Argentina) e non posso fare a meno di stupirmi che in un ambiente così desolato possano sopravvivere creature così esotiche e abbaglianti. Quindi proveremo a salire picco del rubinetto, se le condizioni meteorologiche di questo "mondo sotterraneo" lo consentono ...




Questo giorno ho visto il sole quasi per la prima volta. Un altro momento nel silenzio era quasi completo mentre i miei compagni di spedizione erano quasi addormentati. Solo Angela e Josep, imperituri, continuarono ai piedi del canyon. Quel silenzio fu interrotto solo da un pinguino all'oscuro. Ho sentito la solitudine di un immenso deserto, il deserto bianco. All'improvviso, un enorme rombo si contorce in lontananza, così lontano da non riuscire a raggiungerlo con la vista. Seguono altri più piccoli. Sono grandi iceberg che si spezzano sull'acqua. Mi sento fortunato ad aver potuto osservare una natura così diversa da quella che conosciamo ...


Isaac

Video: LANTARTIDE viaggio video blog. Episodio 1 - ARRIVO IN ARGENTINA. NON CÈ UN PIANETA B. tado (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send